Articles

Bambini curiosi: Come mai Donald Trump ha vinto se Hillary Clinton ha preso più voti?

TC CuriousKids.

Curious Kids è una serie per bambini di tutte le età. Se hai una domanda a cui vorresti che rispondesse un esperto, mandala a [email protected]

Come mai Donald Trump ha vinto se Hillary Clinton ha preso più voti? Ellen T., 8, Cambridge, Massachusetts

Molti americani si chiedono perché Donald Trump sia diventato presidente dopo le elezioni del 2016, visto che Hillary Clinton ha ottenuto più voti complessivamente.

In effetti, Clinton ha ottenuto tanti voti nel 2016 quanti Barack Obama nel 2012. I suoi erano però concentrati in meno stati, il che fa la differenza nel sistema politico americano.

Sono un professore che studia la presidenza. Per spiegare perché Trump ha vinto dobbiamo tornare alla fondazione degli Stati Uniti.

Che cos’è il Collegio Elettorale?

Negli Stati Uniti, una cosa chiamata Collegio Elettorale determina quanti voti un candidato presidenziale ottiene in un’elezione.

Ogni stato ha un certo numero di voti per i candidati presidenziali più o meno legato alla popolazione dello stato. Questo numero è uguale al numero di rappresentanti e senatori che lo stato invia al Congresso.

Per esempio, New York, lo stato dove vivo, ha 27 rappresentanti e quindi 29 voti del Collegio Elettorale. Washington, D.C. – che non ha nessun membro del Congresso – ha tre voti del Collegio Elettorale.

Ma le regole dicono anche che ogni stato deve avere almeno un rappresentante e ci possono essere solo 435 membri della Camera. A causa del modo in cui i seggi disponibili sono divisi, alcuni stati hanno meno rappresentanti per persona che in altri stati.

Per esempio, ognuno dei 53 rappresentanti alla Camera dalla California rappresenta circa 746.415 persone. Nel Wyoming, quel numero scende a 577.737 per il loro unico rappresentante.

Questo significa che il voto popolare nazionale – che va al candidato che ha vinto il maggior numero di voti individuali – può essere un po’ diverso dal voto del Collegio Elettorale.

Questo è quello che è successo nelle elezioni del 2016. Grandi porzioni di abitanti delle città negli stati blu hanno votato per la Clinton, dandole il maggior numero di voti a livello nazionale.

Ma Trump ha avuto un vantaggio negli stati con popolazioni più piccole e un vantaggio nel Collegio Elettorale. Questo in parte perché 48 stati e il Distretto di Columbia danno tutti i voti elettorali dello stato al candidato che vince la maggioranza dei voti. Solo il Maine e il Nebraska non seguono questo approccio “chi vince prende tutto”.

Da dove viene?

Il Collegio Elettorale è parte della Costituzione degli Stati Uniti.

Rutherford B. Hayes e William A. Wheeler hanno votato per lo stato della Louisiana nel 1876. The Library of Congress

Nel 1787, i Padri Fondatori erano preoccupati che il popolo potesse eleggere un demagogo, ovvero qualcuno che avrebbe fatto appello alle loro emozioni e facilitato la creazione e l’esecuzione di leggi basate sulla paura o sulla rabbia. I fondatori presumevano che gli elettori del Collegio Elettorale sarebbero stati semplicemente “infedeli” agli elettori se avessero votato per qualcuno non qualificato.

In tempi moderni, la gente in tutti i 50 stati vota a novembre e quelle decisioni vengono trasmesse agli elettori. Gli elettori si riuniscono a metà dicembre per esprimere il voto ufficiale per il presidente.

Quasi sempre si attengono ai voti del popolo, ma ogni tanto un elettore infedele vota per un candidato diverso. Gli elettori sono generalmente scelti dal partito – repubblicani e democratici – ma ogni stato determina da solo come sceglie gli elettori.

Nel caso delle elezioni del 2016, gli elettori hanno largamente votato con i loro stati, eleggendo Trump presidente.

Ciao, ragazzi curiosi! Avete una domanda a cui vorreste che rispondesse un esperto? Chiedi a un adulto di inviare la tua domanda a [email protected] Dicci il tuo nome, l’età e la città in cui vivi.

E siccome la curiosità non ha limiti di età – adulti, fateci sapere anche voi cosa vi state chiedendo. Non potremo rispondere a tutte le domande, ma faremo del nostro meglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *