Articles

La Bibbia protestante e la Bibbia cattolica non sono lo stesso libro. Ecco cosa devi sapere sulla differenza.

Nota del redattore: Questo articolo fa parte di una serie di risposte a domande religiose. Ogni settimana, risponderemo ad una domanda di fede presentata. La domanda di questa settimana non è stata inviata, ma è stata una divergenza tempestiva. Per inviare una presentazione, visitare timesfreepress.com/religionquestions o e-mail [email protected]

Questione: Credo che la Bibbia cattolica abbia più libri di quella protestante. Quali sono?

A: Ci sono sette libri nella Bibbia cattolica – Baruch, Giuditta, 1 e 2 Maccabei, Siracide, Tobit e Sapienza – che non sono inclusi nella versione protestante del Vecchio Testamento. Questi libri sono indicati come i libri deuterocanonici.

La storia del perché ciò sia avvenuto è un po’ complicata ma offre diverse implicazioni interessanti.

Tra il 400 e il 200 a.C., gli ebrei stavano formalizzando i libri che compongono la Torah e i Profeti nella Bibbia ebraica, che in ebraico conteneva un numero minore di libri. Mentre gli ebrei si spostavano in tutta la regione, la Bibbia fu tradotta in greco e poi in latino, versioni che includevano i sette libri, ha detto John Collins, professore di critica e interpretazione dell’Antico Testamento alla Yale Divinity School.

La chiesa cattolica ha basato la sua Bibbia sulla traduzione greca estesa e presto ha cambiato quali libri erano inclusi. Durante la Riforma protestante nel 16° secolo, Martin Lutero ha chiesto una maggiore attenzione alle tradizioni nel cristianesimo, tra cui l’uso dei libri nella traduzione originale ebraica della Bibbia. Con quella decisione, Lutero disse che i libri deuterocanonici erano buoni da leggere ma non erano divinamente ispirati come gli altri, ha detto Collins.

La decisione di non sostenere il valore di quei sette libri ha spostato la teologia della chiesa protestante, ha detto.

“Direi che la differenza principale è che la Bibbia cattolica include più libri di saggezza”, ha detto Collins. “E la saggezza è associata alla teologia naturale, e questa è stata una delle maggiori differenze teologiche tra protestanti e cattolici. I protestanti generalmente rifiutano la teologia naturale”

Invece, i protestanti si concentrano molto di più sulla ricerca della verità attraverso la rivelazione divina piuttosto che guardare i segni nella natura per capire meglio Dio.

I libri deuterocanonici contengono anche molte informazioni sul giudaismo prima dell’arrivo di Gesù, ha detto John Kampen, un professore di ricerca alla Methodist Theological School in Ohio.

“La trascuratezza di questi libri nella tradizione protestante contribuisce nel 19° e all’inizio del 20° secolo ad un certo tipo di denigrazione antisemita del valore religioso del giudaismo al tempo di Gesù”, ha detto Kampen.

Mentre il cattolicesimo conteneva queste conoscenze, le chiese protestanti no, ha detto. Durante l’ascesa del nazismo in Europa occidentale, alcune chiese presero le distanze dal giudaismo tracciando distinzioni tra le due religioni. Molte delle informazioni trovate nei libri deuterocanonici furono poi confermate con la scoperta dei Rotoli del Mar Morto negli anni ’40.

Dal giornalista

Sono diventato giornalista per aiutare la gente a vedere le persone come persone. Ma mettere in evidenza il lato umano di ogni decisione politica, e come questa influisce sulla tua comunità, richiede tempo e sostegno da parte dei lettori. Se credi nel raccontare le storie delle persone nella tua comunità, abbonati al Times Free Press oggi stesso. Contattatemi a [email protected] o 423-757-6249. Trovatemi su Twitter a @News4Mass.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *